Scheda sintetica

  • Punto di partenza e di arrivo: Cainallo, parcheggio alto a pagamento (circa 1400 m)
  • Dislivello complessivo: circa 1260 m (sola salita)
  • Distanza percorsa: circa 11 km
  • Tempo impiegato: circa 3 ore e 30 minuti (sola salita)
  • Punti di appoggio: Rifugio Bogani (1816 m); Rifugio Brioschi (2410 m)
  • Materiale consigliato: ramponi; caschetto; piccozza (eventualmente due); eventualmente imbrago e corda
  • Difficoltà: PD+ (pendenza fino a 40° - II in roccia)
  • Traccia GPS: download

 

Per questa escursione, dobbiamo raggiungere la località Cainallo di Esino Lario (circa 1240 m), con buone possibilità di parcheggio sulla destra. Se però vogliamo proseguire sulla strada, troviamo sulla sinistra della stessa, in corrispondenza dell’edifico del rifugio, un distributore di biglietti, coi quali possiamo proseguire fino al prato al termine della strada, dove possiamo posteggiare (circa 1400 m; 4 euro il biglietto). Se avessimo lasciato l’auto nel posteggio libero più in basso, non dobbiamo fare altro che salire il pratone che ci si para dinnanzi e alla cui sinistra corre la strada: arriveremo nello stesso posto. Dal termine del parcheggio a 1400 m, seguiamo verso sud le indicazioni su di una palina segnaletica per i rifugi Bogani e Bietti. Dopo una mezzoretta di cammino, prendiamo una deviazione a destra per il rifugio Bietti (palina segnaletica), che ci fa salire ad una forcella. Raggiunta la forcella, pieghiamo decisamente a sinistra, seguendo le indicazioni su una palina segnaletica per il rifugio Bietti. Raggiunta in breve una Cappella degli Alpini, abbandoniamo la traccia per il rifugio Bietti, che rimane più bassa a destra, e seguiamo le indicazioni a sinistra per la Cresta di Piancaformia. Dopo un primo tratto in moderata pendenza, la traccia compie un traverso un po’ “critico” (prestare attenzione con innevamento non assestato), e giunge alla bocchetta che collega i rifugi Bogani e Bietti (palina segnaletica). Continuiamo su percorso facile lungo la linea ideale della cresta, fino a raggiungere poco più sopra la Cresta Piancaformia vera e propria. Le difficoltà della via dipendono anche dall’innevamento, ma in generale si può dire che è caratterizzata da numerosi saliscendi, a volte più, a volte meno ripidi; sono da segnalare due passaggi su creste di neve molto affilate ed alcuni aggiramenti di speroni, da fare sul lato della Via della Ganda (nord), che obbligano a scendere e salire pendii fino a 40° (brevi tratti forse anche superiori). I passaggi su roccia si mantengono nel limite del II grado, ma dipende sempre dall’innevamento. Al termine della salita, si sbuca proprio sotto alla Cappelletta posta a pochi metri dal Rifugio Briosci, sotto la vetta del Grignone (2410 m; grande croce in metallo). Per la discesa, possiamo sfruttare la battuta Via della Ganda, che nella sua prima parte corre quasi parallela alla Cresta Piancaformia, ma rimane più a nord e più bassa (paline di metallo a segnare il percorso). Seguendo questa traccia raggiungiamo dapprima il Rifugio Bogani (1816 m), quindi ci abbassiamo un po’ rispetto a dove avevamo abbandonato il sentiero all’andata e, infine, risaliamo sino a ritornare al bivio dei rifugi Bogani e Bietti; a questo punto, a ritroso, facciamo ritorno all’auto.

Ecco qualche foto di questa bella escirsione:


Il percorso

La prima parte di sentiero

Il sentiero dopo la chiesetta degli alpini

Il traverso un po' critico

La prima parte della cresta

Vista sul lago

Saltino di rocce che si vedeva due foto fa, più o meno al centro della foto

008418

Fin qui è una passeggiata

Il sole sale da dietro alla vetta del Grignone

Cominciano le parti un po' meno facili

Una cosa che io trovo veramente difficile è camminare sulle creste strette: mi vengono le vertigini

013391

Uni sguardo indietro

015390

Sotto di noi, a nord, passa la via della Ganda

L'ultima parte; qui, in diversi punti, sono possibili vie di fuga verso la via della Ganda

018347

Quel pendio lì, non sembra, ma è bello ripido!

020353

Sguardo indietro

022299

Gente salita dal canale ovest, proprio appena sotto al Brioschi

Lì sotto, la Piancaformia

Le Alpi

026245

027246

028246

029246

030247

031207

032208

033206

034208

035205

036166

Ciao!

038168

039168

Gente in discesa dalla via normale da Pasturo

041147

La Cresta Piancaformia

043150

Il Resegone

Un po' di Quattromila sullo sfondo

046129

047128

048127

Ancora gente sulla Piancaformia

La Piancaformia vista dalla Ganda

051114

052114

La via della Ganda

054115

Uno sguardo indietro al Grignone

 

Comments (0)

Loli Back to the Top

Banner
Wherever you go, whatever you do... just smile!

Yuri Parimbelli: la Guida Alpina per la tua escursione!

Banner
Se vi serve una Guida Alpina contattate Yuri: è bravissimo!!! Visitate la sua pagina Facebook!

Insegnanti per il Nepal

Banner
Insegnanti per il Nepal: sostieni anche tu il progetto in ricordo di Roby!
VisitValBrembana
Banner
Sito dedicato alla promozione del territorio brembano, delle sue ricchezze e delle attività ricettive e di servizio della Valle

Il sito www.le mieorobie.com utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookies To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information