Ulti Clocks content
Statistiche
Salto Triplo
Il DVD delle Cascate del Serio
Banner
Alpe Editrice
Casa editrice specializzata in testi di montagna
Banner


Scheda sintetica

  • Punto di partenza e di arrivo: Rifugio Alpe Lago (circa 1550 m)
  • Dislivello complessivo: circa 1700 m (sola salita)
  • Distanza percorsa: circa 16.5 km
  • Tempo impiegato: circa 2 ore e 30 minuti per il Pedena: 1 ora e 30 minuti per il Monte Lago; 1 ora e 10 minuti per concatenare il Monte Pisello
  • Punti di appoggio: Rifugio Alpe Lago
  • Materiale consigliato: normale da escursionismo
  • Difficoltà: EE (sentiero, tracce e passaggi di ungulati)
  • Traccia GPS: download

 

Prima della relazione, vorrei fare alcune precisazioni, sulla base delle quali sconsiglio di ripetere questo giro. La sola salita al Monte Pedena, di per sé, non è banale, in quanto tutta la parte alta del percorso non è tracciata e va quindi trovata sulla base delle relazioni disponibili in rete; eventuali sbagli nella scelta del percorso potrebbero metterci in difficoltà! In assoluto però sconsiglio il concatenamento dal Monte Lago al Monte Pisello, passando dal Monte Culino: per farlo si percorre una traccia di ungulati a tratti molto esposta su ripidi pendii di erba umida, da fare spesso in discesa, dove una scivolata sarebbe improteggibile!  Personalmente non penso percorrerò mai più quel tratto. Meglio salire e scendere ai monti Lago e Pisello dai rispettivi sentieri “normali” e il Monte Culino dimenticarselo sulle carte! Comunque, di seguito la relazione.

Per questa escursione dobbiamo spingerci con l’auto circa 10 km oltre il Passo di San Marco, nella provincia di Sondrio. Arrivando dal passo, troveremo alla nostra sinistra un grande cartello che segnala il Rifugio Alpe Lago e ampie possibilità di parcheggio. Il rifugio si trova alla destra della strada (est) e in breve lo raggiungiamo. A monte dell’edificio, parte un sentiero bollato che sale tra i larici in direzione sud-est (la nostra destra); dopo un breve tratto, la traccia sembra terminare nel nulla ma, guardando bene, vedremo che piega a sinistra (est) e sale poco marcata tra i pascoli. Più sopra ritorna ad essere evidente e bollata e piega decisamente a sinistra, puntando verso nord-est, per raggiungere il Baitone (1909 m), di cui si vede una grande croce in legno anche dal Rifugio Alpe Lago. A questo punto, ci portiamo alle spalle dell’edificio e svoltiamo decisamente a destra; con direzione sud, risaliamo le balze di erbe e rocce inclinate che scendono dal versante nord del Monte Pedena. Quando raggiungiamo le pietraie soprastanti, conviene obliquare a sinistra (est) e raggiungere la più orientale delle pietraie, che può poi essere risalita sul suo lato sinistro, sino a raggiungere la spalla che scende dalla vetta della montagna. Tutto questo percorso non è segnato (ho trovato a dir la verità due o tre omini di pietra mal messi, ma disposti quasi a caso...) e va fatto “a vista”, scegliendo di volta in volta il percorso migliore. Io, per esempio, assieme ad altri escursionisti incontrati durante l’escursione, sono salito stando più a ovest (destra) del percorso che suggerisco qui, ma così facendo sono dovuto passare da un canalino piuttosto umido che, anche se facilmente arrampicabile, espone a rischi inutili. In discesa invece, avendo modo di vedere il percorso migliore, siamo scesi più a est. Comunque, una volta raggiunto lo spallone che degrada dalla cima, conviene salirlo dapprima stando a sinistra e poi spostandosi più a destra, verso il centro, dove risulta più facilmente salibile per balze erbose. Puntiamo verso due grossi omini di pietre che segnalano l’anticima, da cui, in breve, raggiungeremo l’altrettanto grosso omino che segnala la vetta (2399 m). Essendo privo di traccia, tutto questo tratto va fatto con la dovuta attenzione, anche perché in alcuni punti risulta abbastanza esposto. La discesa avviene per lo stesso percorso fatto in salita. Raggiunto il Baitone, per salire al Monte Lago, conviene andare a riprendere la traccia bollata che prosegue con direzione nord appena sotto agli edifici. Non fate come me, che mi sono lasciato “ingolosire” da alcune tracce che passavano più alte, ma che poi sono stato costretto ad abbandonare per scendere, in mezzo ai pinetti e ai rododendri, fino a intercettare il sentiero di cui sopra. Questo sentiero sale in diagonale tutto il versante ovest del Monte Lago. Quando arriviamo in corrispondenza di una larga curva a destra, ormai in vista dell’Alpe Piazza, troviamo alla nostra destra una palina segnaletica priva di cartelli: è quella se segnala l’inizio della salita per il Monte Lago. Svoltiamo quindi decisamente a destra e risaliamo la ripida e assai faticosa cresta ovest della montagna, fino a guadagnarne la cima, con grande croce in ferro (2353 m). Ora, per concatenare anche il Monte Culino e il Monte Pisello, dobbiamo abbassarci sulla cresta che prosegue in direzione nord. Esiste una traccia lungo tutto il percorso, ma credo sia un passaggio di ungulati. Il primissimo tratto è abbastanza agevole, ma poi la traccia abbandona frequentemente il filo di cresta per abbassarsi sui ripidi pendii erbosi del versante est (la nostra destra); torna a essere “camminabile” nell’ultimo tratto di salita al Monte Culino (2322), ma nel tratto di discesa da quest’ultimo verso il Monte Pisello, diventa un percorso “funambolico” con saltelli espostissimi su erba e terriccio: assolutamente vietato scivolare!!! Una volta raggiunta la sella che separa le due vette, le difficoltà cessano: da li transita il segnavia 101 e una comoda traccia ci consente di raggiungere in breve la cima del Monte Pisello (2272 m). Per il rientro, torniamo indietro sino ad incrociare il segnavia 101 e lo seguiamo verso destra (ovest), transitando dall’Alpe Predoria prima e dall’Alpe Piazza poi. Dai pascoli a monte dell’Ape Piazza, seguiamo il segnavia bollato con direzione sud, che ci condurrà in breve sino alla palina segnaletica senza cartello che indicava la svolta per salire al Monte Lago. Da li si torna a ritroso al Baitone e quindi al Rifugio Alpe Lago e all’auto.

Ecco alcune foto:


Il percorso

Il primo tratto di sentiero visto dal Rifugio Alpe Lago

Sul sentiero con altri escursionisti

Sopra al Baitone: bisogna salire questi dossi di placche inclinate con direzione sud e poi spostarsi a sinistra

Il gruppo del Bernina fa la sua comparsa!

E poco più a ovest compare anche il Disgrazia

Noi siamo saliti da questo scivolo centrale che sfocia poi in un canalino umido sulla sinistra, mentre è megli, stando più bassi, spostarsi ulteriormente a sinistra (est) e risalire l'ultima pietraia prima della cresta nord della montagna

Il Monte Lago visto dal Pedena; in rosso la cresta di salita su sentiero tracciato

Il gruppo del Ponteranica (sx) e il Gruppo del Tre Signori (dx) visti dal Monte Pedena

La larga cresta che unisce l'anticima alla vera cima del Monte Pedena

Vista verso ovest; le due lunghe valli che scorrono verso nord sono le Valli del Bitto di Albaredo (la più vicina) e del Bitto di Gerola (la più lontana)

A nord le Retiche dominano l'orizzonte!

A sud invece le Orobie sono preda delle nuvole basse e della foschia

A nord-ovest i 4000 del vallese!

La in fondo, l'avamposto occidentale delle Orobie: il Monte Legnone

A sx la cresta che collega il Monte Pedena al Monte Lago; a dx la Val Budria

Un escursionista si riscalda sotto il caldo sole di questa giornata d'ottobre

La cresta a sud, che collega il Monte Pedena al Monte Azzarini (o Fioraro)

Illusion never changed; Into something real; I'm wide awake; And I can see the perfect sky is torn***

I pascoli del Baitone; dietro si staglia la mole del Monte Pedena

La cresta dove sale il sentiero per il Monte Lago

La cresta per raggiungere i monti Culino e Pisello; da qui sembra agevole, ma nasconde dei tratti tutt'altro che semplici e sicuri!

Le Orobie viste dal Monte Lago; inconfondibile spunta la piramide del Diavolo di Tenda

Something in the storm is appealing; My will is decreasing but I’m…Trying not to fall; Trying not to fall; Lord I feel like I’m… like; I’m losing it (losing); Help me God, I’m losing°°°

Parte della cresta percorsa arrivando dal Monte Lago (che è il panettone a sx); purtroppo questa immagine non rende bene e, anche da qui, il percorso sembra facilissimo...

Il Monte Pisello visto dal Monte Culino; nell'angolino in basso a sx, in ombra, c'è uno dei tratti più insidiosi da scendere

Le Orobie viste dal Monte Pisello; la bella punta a sx credo sia la Cima Vallocci

La val di Lemma (al centro) e la val Budria a dx viste dal Monte Pisello

You wanted to draw a picture; But your relationship could never hold a pose; You're left with a roomful of sketches; That only hint at the love you wanted to know; Let it out, let it go; Hold back the tears no longer; Let them fall on the floor; Not on your will to be stronger; Who are you; In the face of disappointment? Where is your character; The one who keeps you going? The one who keeps you going@@@

Visuale sui graniti della Val Masino

Colori d'autunno

Una cartolina d'autunno da sopra l'Alpe Piazza

L'Alpe Piazza è in una posizione dominante sulla Valle del Bitto di Albaredo

Di ritorno al Baitone

Vista dall'alto sul Rifugio Alpe Lago; poco sotto la strada per il Passo San Marco

e due panoramiche dalla vetta del Pedena, una verso nord-est, l'altra verso sud-ovest:

***Natalie Imbruglia - Torn

°°°Cody ChesnuTT - Don't Go The Other Way

@@@Van Hunt - Character

 

Comments (0)

Loli Back to the Top

Banner
Wherever you go, whatever you do... just smile!

Yuri Parimbelli: la Guida Alpina per la tua escursione!

Banner
Se vi serve una Guida Alpina contattate Yuri: è bravissimo!!! Visitate la sua pagina Facebook!

Insegnanti per il Nepal

Banner
Insegnanti per il Nepal: sostieni anche tu il progetto in ricordo di Roby!
VisitValBrembana
Banner
Sito dedicato alla promozione del territorio brembano, delle sue ricchezze e delle attività ricettive e di servizio della Valle

Il sito www.le mieorobie.com utilizza cookies, anche di terze parti. Chiudendo questo banner acconsenti all'uso dei cookies To find out more about the cookies we use and how to delete them, see our privacy policy.

I accept cookies from this site.

EU Cookie Directive Module Information